Soluzione di misura DC innovativa per la ricarica di veicoli elettrici

0
33
Soluzione di misura DC innovativa per la ricarica di veicoli elettrici
0
(0)

LEM lancia la sua nuova soluzione di DCmeter, il DC Billing Meter (DCBM) più intelligente e compatto presente sul mercato, pienamente conforme alla normativa tedesca “Eichrecht”.

Il DCBM è una soluzione di fatturazione intelligente e compatta che aiuterà le stazioni di ricarica per veicoli elettrici a sfruttare i vantaggi della ricarica DC.

Grazie all’intervallo di misura della potenza compreso tra 25kW e 600kW, il DCBM è un misuratore legale e certificato che fornisce una fatturazione molto accurata per le ricariche DC effettuate.

L’infrastruttura di ricarica è la chiave per la mobilità elettrica in tutto il mondo

Con circa 2,5 milioni di collegamenti di auto elettriche effettuati nel 2019, l’infrastruttura di ricarica è destinata a svolgere un ruolo importante nella mobilità mondiale.

L’attuale infrastruttura pubblica di ricarica fornisce principalmente corrente alternata (CA). Ciò porta a un tempo di ricarica relativamente lungo in media di otto ore, a causa della bassa capacità di potenza, pari a circa 44 kW.

Per ridurre questo tempo di ricarica a pochi minuti, i produttori di caricabatterie convertono la corrente AC in corrente continua (DC) all’esterno dell’auto, bypassando quindi l’On-Board-Charger (OBC) e alimentando direttamente il pacco batterie del veicolo elettrico.

Questo metodo può aumentare la potenza di carica fino a 400 kilowatt.

Tuttavia, questo stadio della conversione genera perdite di potenza, che non devono essere pagate dall’utente finale, il proprietario del veicolo elettrico.

Pertanto, un misuratore elettrico viene posizionato appena dopo la fase di conversione per monitorare e fatturare l’esatta energia effettivamente trasferita al veicolo elettrico.

DCBM aderisce alle normative tedesche “Eichrecht”

Le normative tedesche “Eichrecht” stabiliscono che ai consumatori dovrebbe essere addebitata solo l’alimentazione DC effettivamente fornita.

Gli standard vengono stabiliti non solo a livello europeo ma anche a livello internazionale e più in particolare negli Stati Uniti, nello stato della California.

Il DCBM è stato sviluppato per soddisfare le richieste del mercato in termini di interoperabilità e sicurezza dei dati, facile e veloce retrofitting delle stazioni di ricarica già installate e capacità di fornire elevata potenza, fino a 600A/1000V.

Progettato per soddisfare le future esigenze di connettività, il DCBM offre comunicazioni Ethernet, supportando il protocollo HTTPS/REST per consentire una rapida integrazione e implementazione tra stazioni di ricarica.

Il DCBM integra anche i set di dati di fatturazione certificati secondo il protocollo S.A.F.E OCMF, consentendo la trasmissione dei dati di fatturazione con un livello di sicurezza estremamente elevato e fornendo la totale interoperabilità per gli operatori di servizi cloud.

Il progetto DCBM è già un successo grazie ad una eccezionale collaborazione tra clienti LEM, comitati ed enti per gli standard, istituti di laboratorio e team globali di LEM.

Il DCBM è stato progettato a tempo di record dal centro R-D LEM di Lione, in Francia, e dal team per il settore industriale a Ginevra.

Questo progetto è un ottimo esempio dell’innovazione, del talento, delle capacità tecniche e della leadership di LEM. La sfida principale in questo caso era definire e progettare un misuratore DC che soddisfacesse tutti gli standard applicabili nonché le numerose e differenti esigenze dei produttori di caricabatterie.

Principali vantaggi tecnici

  • Standardized Direct Current Billing Meter in conformità con VDE-AR-E-2418-3-100
  • Regolazione della precisione del misuratore in base al cavo di ricarica effettivamente in uso
  • Il display LCD mostra in tempo reale misurazioni, energia, allarmi e dati legali
  • La comunicazione Ethernet consente una rapida integrazione e implementazione nelle stazioni di ricarica
  • I set di dati di fatturazione firmati per certificazione offrono una sicurezza estremamente elevata ed una totale interoperabilità per gli operatori di servizi cloud

Per informazioni clicca qui

Quanto hai trovato interessante questo articolo?

Accedi al sito (se non l’hai già fatto registrati) e clicca su una stella per dare una valutazione

Voto medio 0 / 5. Numero valutazioni: 0

Ancora nessuna valutazione! Valuta per primo questo articolo.