lunedì, Settembre 26, 2022
Home Elettronica Embedded/IoT L’infrastruttura alternativa a Google IoT Core: aperta, scalabile e a prova di...

L’infrastruttura alternativa a Google IoT Core: aperta, scalabile e a prova di futuro

4
(1)

Mentre l’Internet delle cose (IoT) continua la sua crescita incessante con sempre più aziende che intraprendono un percorso di trasformazione digitale, la decisione di Google di chiudere il suo servizio Cloud IoT Core il prossimo anno fa notizia.

Annunciata senza troppi complimenti solo poche settimane fa, la mossa segna un chiaro cambio di paradigma verso lo sfruttamento di terze parti per fornire un’infrastruttura IoT a tutti gli effetti agli integrator o agli utenti finali.

La mossa di Google riporta l’attenzione su piattaforma e infrastruttura ed è il preambolo a un panorama più aperto in cui le aziende e gli utenti avranno più libertà di implementare una soluzione IoT su misura che si adatta alle loro esigenze.

Qual è il prossimo passo, allora? È davvero giunto il momento per le aziende di ripensare la propria strategia quando si tratta di servizi gestiti.

Gli ultimi anni hanno cambiato radicalmente il panorama del cloud, con tendenze dirompenti come la container orchestration (orchestrazione dei container) e il rilevamento serverless.

I fornitori di servizi cloud si stanno adattando mentre gli sviluppatori cambiano paradigma e presentano nuove richieste e le aziende devono tenere il passo.

Quindi, quali sono le prospettive per le aziende che vogliono evolversi o costruire il proprio business IoT? Riteniamo che ci siano diversi aspetti importanti da considerare affinché la tua soluzione IoT sia non solo a prova di futuro, ma anche al limite di nuove tecnologie e opportunità.

  1. Costruito su fondamenta Open

I lock-in dei fornitori cloud appartengono al passato. Sistemi come Kubernetes consentono a tutti di creare servizi gestiti di qualità di produzione senza fare affidamento su alcun framework specifico del fornitore. La tua prossima infrastruttura IoT dovrebbe sfruttare tutta la tecnologia necessaria per offrire agli utenti il ​​servizio affidabile e performante che si aspettano, senza limitare lo sviluppo futuro.

  1. Scalabile in termini di prestazioni e costi

Sei mai stato sul “carro” dell’IoT prima d’ora? Potresti aver sperimentato due diversi tipi di delusione: provare un’ottima piattaforma che non è andata molto oltre quando sei fuori dalla modalità demo, o avere un’ottima piattaforma che ha prosciugato il tuo portafoglio una volta che la tua flotta ha iniziato a diventare seria. Quando fai la tua prossima scelta, dovresti essere consapevole di come tutto si ridimensiona quando la tua azienda si adatta dove vuoi che sia. La tecnologia, le strategie di implementazione e il design della tua prossima soluzione prescelta avranno un enorme impatto sul successo del tuo prodotto.

  1. Sempre sotto il tuo controllo

Quando si parla di software e IT, il “controllo” è uno degli argomenti più “caldi” e controversi. L’open source non è sufficiente per mantenere il controllo: avere a disposizione il partner e le competenze giuste per il supporto allo sviluppo e alla distribuzione è un must per passare alla produzione. Prima di aprire il manuale e scaricare da Github il tuo prossimo pezzo critico dell’infrastruttura IoT, assicurati che sia supportato commercialmente e che le tue operazioni abbiano tutte le garanzie di cui hanno bisogno. Questo ti offre il meglio di tutti i mondi e offre prestazioni migliori in termini di costi rispetto alle soluzioni proprietarie.

Perché scegliere CLEA come tua prossima piattaforma IoT

CLEA di SECO è stato progettato da zero per soddisfare le esigenze dell’infrastruttura IoT di oggi e del futuro. Non solo ti dà il controllo completo, ma è anche ricco di funzionalità che vanno ben oltre la tipica piattaforma IoT o broker as a service.

CLEA ha un core completamente Open Source ed è interamente basato su Kubernetes, il che lo rende non solo indipendente dal cloud ma anche distribuibile in scenari non cloud. È stato testato “sul campo” con centinaia di implementazioni di produzione ed è progettato per adattarsi a flotte di grandi dimensioni, enormi flussi di dati e una moltitudine di utenti.

L’infrastruttura alternativa a Google IoT Core: aperta, scalabile e a prova di futuro

E quando sei pronto per fare le cose in grande con l’intelligenza artificiale (AI), CLEA ha tutto ciò di cui hai bisogno per far funzionare i tuoi dati.

Un sostituto perfetto per la tua attuale infrastruttura

Potresti essere interessato dal ritiro del servizio Google IoT Core o potresti semplicemente esaminare il futuro delle tue implementazioni IoT.

L’infrastruttura alternativa a Google IoT Core: aperta, scalabile e a prova di futuro

SECO ti offre un comprovato processo di migrazione rapido e completamente supportato. Ti forniamo una serie di strumenti che semplificano la transizione a CLEA e ti consentono di migrare tutti i tuoi dispositivi IoT esistenti mantenendo la compatibilità con le versioni precedenti. Inoltre, ti garantiamo che dopo la migrazione delle tue applicazioni e degli endpoint IoT a CLEA puoi continuare a utilizzare i servizi di Google Cloud Platform: la transizione più agevole e senza sforzo possibile.

Per informazioni clicca qui

Quanto hai trovato interessante questo articolo?

Voto medio 4 / 5. Numero valutazioni: 1

Ancora nessuna valutazione! Valuta per primo questo articolo.

Registrati anche tu su Elettronica TECH!
Ecco i vantaggi esclusivi per gli utenti registrati:
- GRATIS abbonamento alla rivista Elettronica AV
- ricezione in tempo reale degli aggiornamenti
- possibilità di recensire e commentare gli articoli
ISCRIVITI SUBITO!

ULTIME NEWS

PARTNER

MERCATO

SOCIAL

IN EVIDENZA

Registrati anche tu su Elettronica TECH!
Ecco i vantaggi esclusivi per gli utenti registrati:
- GRATIS abbonamento alla rivista Elettronica AV
- ricezione in tempo reale degli aggiornamenti
- possibilità di recensire e commentare gli articoli
ISCRIVITI SUBITO!